Fotovoltaico Grid Connected

primi sui motori con e-max

gridL'impianto fotovoltaico non viene più visto come un prodotto prettamente finanziario, su cui è stata attuata negli ultimi 5 anni un'importante opera di speculazione, ma come un mezzo attraverso il quale raggiungere un'efficienza energetica dell'edificio su cui è installato; efficienza che si traduce in minori costi dell'energia elettrica e conseguentemente in un notevole abbattimento della bolletta elettrica. 

I componenti primari in un impianto grid-connected sono:

  • Il generatore fotovoltaico, costituito da un campo di una o più serie (stringhe) di moduli fotovoltaici, disposte in parallelo tra loro;
  • L’inverter, dispositivo di conversione da corrente continua (prodotta dal campo fotovoltaico) ad alternata (della rete elettrica), necessario per scambiare con la rete nazionale l’energia prodotta dal campo fotovoltaico;
  • I dispositivi di connessione ed eventualmente di protezione nel punto di consegna;
  • I contatori, di cui uno contabilizza l’energia elettrica prodotta dal campo fotovoltaico, e l’altro quella che fluisce da e verso la rete (bidirezionale).

L'innovazione tecnologica e le migliori prestazioni dei moderni moduli fotovoltaici, rispetto a quelli presenti sul mercato fino a qualche anno fa, hanno di fatto prolungato la durata nel tempo degli impianti stessi (fino a 35/40 anni) e, di conseguenza, la durata dei vantaggi che da esso derivano.

Alcuni produttori di moduli riescono infatti a garantire al cliente finale una garanzia di prodotto fino a 25 anni con elevatissimi valori di efficienza e ingombri sempre più ridotti.