Certificazioni Energetiche

primi sui motori con e-max

attestato-certificazione-energetica

L'attestato energetico o Attestato di Certificazione Energetica (ACE) è un documento che riporta il livello di consumo di energia dell'immobile e gli interventi da realizzare per migliorarne le prestazioni energetiche.

Tale certificato deve essere rilasciato da un tecnico abilitato, il Certificatore Energetico, che, descrivendo sinteticamente il comportamento energetico dell'edificio o dell'unità immobiliare, permette di classificarla secondo gli indici prestazionali (che tengono in considerazione l'efficienza dell'impianto di riscaldamento, la produzione di acqua calda sanitaria, la climatizzazione estiva e l'utilizzo di fonti rinnovabili) e lo inserisce in una apposita classe di appartenenza (A+, A, B, C, D, ecc). Più è bassa la lettera associata all'immobile, maggiore è il consumo energetico.

La Diagnosi Energetica consente di individuare le inefficienze e le criticità e di intervenire con le soluzioni a minor costo e maggior efficacia per la riduzione dei consumi energetici, individuando e quantificando le opportunità di risparmio energetico anche sotto il profilo costi/benefici.
La Diagnosi Energetica integra i dati raccolti sul campo, a seguito di sopralluoghi, con strumenti di calcolo (elaborazione di un modello matematico dell’edificio) attraverso i quali individuare e analizzare gli interventi di riqualificazione energetica dell’edificio o dell'unità immobiliare.

L'attestato è un documento ufficiale, valido 10 anni, prodotto da un soggetto accreditato (certificatore energetico) e dai diversi organismi riconosciuti a livello locale e regionale. La sua utilità al momento ha tre scopi principali:

- per il rogito: l'Attestato di Certificazione Energetica di un immobile è richiesto per gli atti notarili di compravendita dal 1º luglio 2009 e per i contratti di locazione dal 1º luglio 2010. L'obbligatorietà è divenuta però effettiva e non derogabile solo dal 29 marzo 2011, attraverso il D.L. n. 28/2011, in quanto a partire da tale data sono nulli gli atti di compravendita o di affitto privi della apposita clausola nella quale "l'acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la certificazione energetica degli edifici".

- per l'accesso alle detrazioni del 55% sul reddito IRPEF: l'attestato energetico è parte della documentazione necessaria per ottenere gli sgravi fiscali.

- per pubblicizzare annunci immobiliari, in quanto dal 1° gennaio 2012 è divenuto obbligatorio indicare la classe energetica delle unità immobiliari.

Con l'introduzione dei decreti attuativi da parte di diverse regioni, si sono costituiti organismi che supervisionano i professionisti abilitati alla redazione dell'attestato energetico.

Energy Plan, col suo team di ingegneri e tecnici abilitati, grazie a moderni strumenti di rilevamento e ai software più aggiornati presenti sul mercato, è in grado di classificare insindacabilmente qualsiasi edificio e di redigere sia l'Attestato di Certificazione Energetica che l'Attestato di Qualificazione Energetica (AQE).


Maggiori informazioni
www.enea.it
D.L. n. 192 del 19 agosto 2005